WEBINAR / 30 Maggio
Clausole di fallback e piani di sostituzione nel nuovo 118-bis TUB

ZOOM MEETING
Offerte per iscrizioni entro il 16/05


WEBINAR / 30 Maggio
Clausole di fallback e piani di sostituzione nel nuovo 118-bis TUB
www.dirittobancario.it
Flash News

Modifiche al CSDR: il testo approvato dal Parlamento UE

9 Marzo 2023
Di cosa si parla in questo articolo

Il Parlamento europeo ha approvato la propria posizione sulla proposta di Regolamento che modifica il regolamento (UE) n. 909/2014 (sui depositari centrali di titoli – CSDR) per quanto riguarda la disciplina di regolamento, la prestazione di servizi transfrontalieri, la cooperazione in materia di vigilanza, la prestazione di servizi accessori di tipo bancario e i requisiti per i depositari centrali di titoli di paesi terzi.

La proposta in oggetto riguarda il riesame del Regolamento sul miglioramento del regolamento titoli nell’Unione europea e sui depositari centrali di titoli del 2014 (CSDR).

Il CSDR mirava a migliorare la sicurezza e l’efficienza del regolamento titoli, nonché a prevedere un insieme di requisiti comuni per i CSD in tutta l’UE. Tuttavia, è necessario un riesame periodico del CSDR per garantire che continui a conseguire i suoi obiettivi e che il quadro che disciplina i depositari centrali di titoli rimanga adatto allo scopo.

I depositari centrali di titoli (CSD) svolgono un ruolo fondamentale nel mercato finanziario, sia per il ruolo svolto nel processo di emissione dei titoli, sia perché consentono il completamento delle operazioni su titoli. Inoltre, i CSD sono essenziali nell’attuazione della politica monetaria delle banche centrali, specialmente nella zona euro, poiché le garanzie ammissibili per le operazioni monetarie delle banche centrali fluiscono attraverso i sistemi di regolamento titoli gestiti dai CSD.

Ci sono 26 CSD autorizzati nell’UE, e i sistemi di regolamento titoli dell’UE hanno gestito oltre 420 milioni di istruzioni di consegna per un valore di oltre 53 000 miliardi di EUR di titoli, pari a un fatturato complessivo di oltre 1 120 000 miliardi di EUR.

Il CSDR è importante per il completamento del quadro normativo sulle infrastrutture di negoziazione e di post-negoziazione a seguito della direttiva relativa ai mercati degli strumenti finanziari e del regolamento sulle infrastrutture del mercato europeo. Inoltre, un approccio normativo coerente ai sistemi e ai processi di regolamento era importante al fine di integrare e facilitare il TARGET2-Securities (T2S).

Il Regolamento sui depositari centrali di titoli (CSDR) è stato adottato dall’UE al fine di rivedere e migliorare le norme per rendere più solide le infrastrutture del mercato finanziario. I CSD sono considerati enti finanziari di importanza sistemica per i mercati finanziari e, quindi, è essenziale che il quadro normativo che li disciplina sia adatto allo scopo.

È necessario un riesame periodico del CSDR per garantire che continui a raggiungere i suoi obiettivi e per rendere il quadro normativo più proporzionato ed efficace, se possibile. Il riesame del CSDR è una delle azioni chiave del piano di azione per l’Unione dei mercati dei capitali del 2020, che mira a sviluppare una post-negoziazione più efficiente nell’UE. Mercati dei regolamenti resilienti ed efficienti nell’UE dovrebbero favorire una post-negoziazione più integrata e aumentare la concorrenza tra i CSD dell’UE e, in generale, nei mercati finanziari dell’Unione.

L’articolo 75 del CSDR ha imposto alla Commissione di riesaminare il regolamento e preparare una relazione di valutazione sulla sua attuazione, fornendo indicazioni su come procedere al suo riesame. Inoltre, il Parlamento europeo ha invitato la Commissione a riesaminare il regime di disciplina del CSDR alla luce della Brexit e della crisi COVID-19.

La Commissione ha incluso il riesame del CSDR nel programma di controllo dell’adeguatezza e dell’efficacia della regolamentazione, poiché è necessario eliminare i costi e gli oneri sproporzionati e semplificare le norme senza mettere a rischio la stabilità finanziaria.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 30 Maggio
Clausole di fallback e piani di sostituzione nel nuovo 118-bis TUB

ZOOM MEETING
Offerte per iscrizioni entro il 16/05


WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024


Novità per le banche e problematiche operative

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 07/06