WEBINAR / 14 Marzo
Mutui con garanzia MCC: obblighi di istruttoria e profili di invalidità
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 29/02

WEBINAR / 14 Marzo
Mutui con garanzia MCC: obblighi di istruttoria e profili di invalidità
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

La nomina di arbitro irrituale non può essere rimessa a soggetto intraneo alla società

30 Novembre 2015

Federica Fainelli, praticante avvocato presso Studio Legale Avv. Massimo Dattrino

Cassazione Civile, Sez. I, 28 ottobre 2015, n. 22008

Di cosa si parla in questo articolo

La Corte di cassazione, nella sentenza n. 22008 del 28 ottobre 2015, avallando altra recente giurisprudenza (Cassazione n. 15892/2011 e n. 17287/2012), ha affermato che è nulla, e quindi priva di effetto, la clausola compromissoria, contenuta nello statuto di una società, che non preveda che la nomina degli arbitri sia rimessa a un soggetto estraneo alla società stessa, come prescritto dall’art. 34, comma 2, del D.Lgs. 17 gennaio 2003, n. 5, applicabile anche in caso di arbitrato irrituale.

Ed infatti, il dettato dell’articolo 34, D.Lgs. n. 5/2003, afferma la Corte, contempla l’unica ipotesi di clausola compromissoria suscettibile di essere introdotta negli statuti societari, di talché deve considerarsi precluso alle parti il ricorrere, in via alternativa o aggiuntiva rispetto alla clausola compromissoria di cui al predetto articolo, ad una clausola compromissoria di “diritto comune”, quale quella disciplinata appunto nell’articolo 808-ter del Codice di procedura civile.

Di cosa si parla in questo articolo
Iscriviti alla nostra Newsletter

WEBINAR / 14 Marzo
Mutui con garanzia MCC: obblighi di istruttoria e profili di invalidità
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 29/02
Iscriviti alla nostra Newsletter