WEBINAR / 20 gennaio
Rapporti bancari e successioni mortis causa


Regole applicabili - Problematiche interpretative e soluzioni - Orientamenti ABF e giurisprudenziali

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 23/12

WEBINAR / 20 gennaio
Rapporti bancari e successioni mortis causa
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

L’estensione della tesi c.d. del professionista “di riflesso” al contratto autonomo di garanzia

20 Luglio 2017

Stefano Daprà, Dottore di ricerca in diritto privato, Università di Trento

Cassazione Civile, Sez. VI, 5 dicembre 2016, n. 24846 – Pres. Amendola, Rel. De Stefano

Di cosa si parla in questo articolo

Costituisce regola acquisita che, in presenza di un contratto di fideiussione, la qualifica soggettiva del garante viene attratta dalla qualità del debitore principale, ai fini dell’applicabilità della normativa in materia di tutela del consumatore, attesa l’accessorietà dell’obbligazione del fideiussore rispetto all’obbligazione garantita. Di conseguenza il soggetto che presta fideiussione per un debitore non consumatore è da qualificarsi a sua volta come un non consumatore (c.d. tesi del professionista “di riflesso” o “di rimbalzo”).

Tale tesi trova applicazione pure per il contratto autonomo di garanzia (c.d. Garantievertrag), là dove inserito nell’attività dell’impresa garantita quale elemento utile per il suo funzionamento anche in relazione a possibili terzi contraenti e pertanto alieno al concetto di consumo o bisogno personale dell’imprenditore garantito, il solo che può giustificare appunto l’applicazione della disciplina generale del diritto del consumatore.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 27 gennaio
Gestione rischi ICT e di sicurezza: le nuove Disposizioni Banca d’Italia


Termine di adeguamento Giugno 2023

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 12/01
Iscriviti alla nostra Newsletter