WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale


Impatti per il settore finanziario

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 03/02

WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale
www.dirittobancario.it
Flash News

Informativa ESG: priorità strategiche ESMA

28 Ottobre 2022
Di cosa si parla in questo articolo

L’ESMA, sta modificando le sue priorità strategiche di vigilanza dell’Unione (USSP) per includere l’informativa ESG insieme alla qualità dei dati di mercato.

La nuova priorità dell’informativa ESG sostituisce i costi e le prestazioni per i prodotti di investimento al dettaglio e rappresenta un passo importante nell’attuazione della Strategia ESMA, che attribuisce un ruolo di primo piano alla finanza sostenibile.

L’ESMA e le autorità nazionali competenti (NCA) intendono accompagnare la crescente domanda di prodotti finanziari legati ai fattori ESG promuovendo la trasparenza e la comprensibilità dell’informativa ESG in tutti i segmenti chiave della catena del valore della finanza sostenibile come emittenti, gestori di investimenti o società di investimento, tenuto conto del sempre più rilevante tema del greenwashing.

Inoltre, l’ESMA mira a promuovere gradualmente un maggiore controllo sull’informativa ESG attraverso una vigilanza efficace e coerente.

Ciò implica anche lo sviluppo di capacità di vigilanza per incorporare pienamente la finanza sostenibile nel lavoro quotidiano di vigilanza e nella cultura della vigilanza.

L’ESMA e le NCA adotteranno quindi misure attive per proteggere gli investitori e facilitare gli investimenti in un mercato ESG credibile.

Nel contesto del secondo USSP, la qualità dei dati di mercato, l’ESMA ha già sviluppato e applicato metodologie comuni e revisioni tematiche.

Sia l’ESMA che le NCA continueranno a impegnarsi in ulteriori attività di vigilanza mirate e concertate.

Per quanto riguarda i costi e la performance dei prodotti di investimento al dettaglio, l’ESMA e le NCA hanno svolto ampie azioni quali:

  • Azione di vigilanza comune (CSA) su costi e commissioni nel quadro degli OICVM;
  • CSA sulle informazioni sui costi e gli oneri della MiFID II;
  • Esercizio di Mystery Shopping (con alcune NCA);
  • CSA sui requisiti di idoneità MiFID II e governance di prodotto;
  • Ausili interpretativi (linee guida, Q&A);
  • Bozze di regolamenti e consulenza tecnica;
  • Rapporto Statistico Annuale per il monitoraggio dell’andamento dei costi.
Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 07 febbraio
Adeguata verifica a distanza: nuove Linee guida EBA
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 18/01