WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024


Novità per le banche e problematiche operative

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 07/06


WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024. Novità per le banche e problematiche operative
www.dirittobancario.it
Flash News

In Gazzetta Ufficiale UE il contributo di vigilanza BCE 2023

21 Marzo 2023
Di cosa si parla in questo articolo

Pubblicata in Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea, la Decisione (UE) 2023/656 della Banca centrale europea del 28 febbraio 2023 sull’importo complessivo del contributo di vigilanza BCE per l’anno 2022.

Con questa Decisione, la BCE garantisce una corretta e adeguata finanziabilità delle sue attività di vigilanza, assicurando al contempo la stabilità finanziaria dell’Unione europea.

La Banca centrale europea (BCE) è responsabile della supervisione prudenziale delle banche e degli istituti finanziari dell’Unione europea. Per finanziare le sue attività di vigilanza, la BCE riscuote dai soggetti vigilati i contributi annuali di vigilanza, calcolati sulla base dei costi annuali sostenuti dalla BCE per l’esercizio delle sue funzioni di vigilanza.

La Decisione (UE) 2023/656 della BCE stabilisce l’importo complessivo del contributo annuale di vigilanza che i soggetti vigilati devono corrispondere per l’anno 2022. L’importo totale dei contributi annuali è di 593 709 671 euro, suddiviso tra i soggetti vigilati significativi e meno significativi, come previsto dal regolamento (UE) n. 1163/2014.

I soggetti vigilati significativi sono le banche e gli istituti finanziari considerati di grande importanza per l’economia dell’Unione europea, in base ai criteri stabiliti dal regolamento (UE) n. 468/2014. I soggetti vigilati meno significativi sono quelli che non soddisfano tali criteri.

Per calcolare il contributo annuale dovuto dai soggetti vigilati, la BCE suddivide i costi annuali tra le funzioni che esercitano la vigilanza diretta sui soggetti vigilati significativi e quelle che esercitano la vigilanza indiretta sui soggetti vigilati meno significativi. In questo modo, i costi annuali imputati alle funzioni di vigilanza diretta sui soggetti vigilati significativi sono maggiori rispetto a quelli imputati alle funzioni di vigilanza indiretta sui soggetti vigilati meno significativi.

L’importo complessivo dei contributi annuali per l’anno 2022 è suddiviso tra i soggetti vigilati in base a tale suddivisione dei costi annuali. In particolare, i soggetti vigilati significativi sono tenuti a corrispondere 566 725 313 euro, mentre i soggetti vigilati meno significativi sono tenuti a corrispondere 26 984 358 euro.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024


Novità per le banche e problematiche operative

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 07/06


WEBINAR / 30 Maggio
Clausole di fallback e piani di sostituzione nel nuovo 118-bis TUB

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 16/05

Iscriviti alla nostra Newsletter