WEBINAR / 07 febbraio
Adeguata verifica a distanza: nuove Linee guida EBA
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 18/01

WEBINAR / 07 febbraio
Adeguata verifica a distanza: nuove Linee guida EBA
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

Il concordato fiscale biennale e la limitazione dei poteri di accertamento dell’Amministrazione finanziaria

26 Luglio 2018

Avv. Stefano Capponi

Cassazione Civile, Sez. V, 31 maggio 2018, n. 13885 – Pres. Bruschetta, Rel. Perrino

Di cosa si parla in questo articolo

Il concordato preventivo fiscale biennale è uno strumento introdotto in via sperimentale dall’art. 33 del d.l. n. 269/03, il quale, a certe condizioni, inibisce all’Amministrazione finanziaria, al proprio comma 8, l’utilizzo di taluni poteri relativamente ai redditi d’impresa e di lavoro autonomo dei soggetti che vi sono sottoposti, e ne preclude, al comma 8-bis, gli atti di accertamento qualora il maggiore reddito accertabile sia inferiore o pari al 50 per cento di quello dichiarato.

La Suprema Corte ha stabilito in questa pronuncia che, in tema di concordato fiscale biennale, i commi 8 e 8-bis dell’art. 33 si pongono in rapporto di complementarietà, sicché la soglia prevista dal comma 8-bis al di sotto o al livello della quale sono preclusi gli atti di accertamento va riferita al reddito che può essere accertato in base ai poteri non preclusi dal precedente 8° comma. In caso di contestazione, è competenza dell’autorità giudiziaria verificare che l’Amministrazione abbia determinato la maggiore materia imponibile ricorrendo ai soli poteri di accertamento consentiti dall’8° comma della norma, e che, entro quest’ambito, abbia adeguatamente provato la propria pretesa, non contrastata in tutto o in parte da idonea controprova, nonché infine che il risultato dell’attività sia superiore al 50% del reddito dichiarato.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 07 febbraio
Adeguata verifica a distanza: nuove Linee guida EBA
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 18/01
Iscriviti alla nostra Newsletter