WEBINAR / 14 maggio
La POG nelle nuove aspettative di vigilanza IVASS
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 24/04

WEBINAR / 14 maggio
La POG nelle nuove aspettative di vigilanza IVASS
www.dirittobancario.it
Flash News

ESAs: indicazioni alle Autorità di vigilanza sui rischi attuali

26 Aprile 2023
Di cosa si parla in questo articolo

Le tre Autorità di vigilanza europee (EBA, EIOPA e ESMA – ESAs) hanno pubblicato la loro relazione congiunta di aprile 2023 sui rischi e le vulnerabilità del sistema finanziario dell’UE.

Pur rilevando che i mercati finanziari dell’UE sono rimasti sostanzialmente stabili nonostante il difficile contesto macroeconomico e le recenti pressioni di mercato nel settore bancario, le tre Autorità invitano le autorità di vigilanza nazionali, le istituzioni finanziarie e i partecipanti al mercato a rimanere vigili di fronte ai rischi crescenti.

La seconda metà del 2022 ha visto un peggioramento del contesto macro a causa dell’inflazione elevata e dell’inasprimento delle condizioni finanziarie, e le prospettive economiche rimangono incerte.

Sebbene le recenti previsioni di crescita non indichino più una profonda recessione e l’inflazione mostri segni di moderazione, la crescita dei prezzi potrebbe rimanere elevata più a lungo di quanto previsto in precedenza.

Le recenti pressioni del mercato sulle banche, in seguito al crollo di alcune banche di medie dimensioni negli Stati Uniti e alla fusione d’emergenza del Credit Suisse, in difficoltà, con la Union Bank of Switzerland (UBS), hanno evidenziato il persistere di un’elevata incertezza del mercato, la sensibilità del sistema finanziario europeo agli shock esogeni e i potenziali rischi legati alla fine di oltre un decennio di tassi di interesse molto bassi.

I prezzi delle attività sono stati molto volatili negli ultimi mesi e la liquidità del mercato è stata fragile. Le forti oscillazioni dei prezzi hanno innescato ingenti richieste di margini e hanno messo in crisi la liquidità di alcuni operatori di mercato, in particolare le società non finanziarie e le istituzioni finanziarie non bancarie. Oltre a questi rischi, le tensioni geopolitiche, le minacce ambientali e l’aumento della frequenza e della sofisticazione dei cyberattacchi complicano ulteriormente il panorama dei rischi.

Sullo sfondo di questi rischi e vulnerabilità, il Comitato congiunto delle ESAs consiglia alle autorità di vigilanza nazionali, alle istituzioni finanziarie e agli operatori di mercato di adottare le seguenti azioni politiche:

  • gli istituti finanziari e le autorità di vigilanza dovrebbero essere preparati a un deterioramento della qualità degli attivi e le autorità di vigilanza dovrebbero tenere sotto controllo gli accantonamenti per le perdite sui prestiti;
  • l’impatto più ampio degli aumenti dei tassi di interesse e degli improvvisi aumenti dei premi di rischio sulle istituzioni finanziarie e sugli operatori di mercato dovrebbe essere considerato e tenuto in considerazione nella gestione del rischio (di liquidità);
  • i rischi di liquidità derivanti dagli investimenti in fondi a leva e dall’uso di derivati sui tassi di interesse dovrebbero essere monitorati attentamente;
  • le istituzioni finanziarie e le autorità di vigilanza dovrebbero monitorare attentamente gli impatti del rischio di inflazione. L’inflazione può avere un impatto sulla valutazione delle attività e sulla qualità delle stesse, in quanto incide sul servizio del debito del mutuatario. Le tendenze inflazionistiche dovrebbero essere prese in considerazione nelle fasi di test, monitoraggio e revisione dei prodotti e gli investitori dovrebbero essere sensibilizzati sugli effetti dell’inflazione sui rendimenti reali;
  • le banche dovrebbero perseguire politiche prudenti di distribuzione del capitale per garantire la loro resistenza finanziaria a lungo termine, date le incerte prospettive di redditività a medio termine;
  • è importante mantenere un solido quadro normativo per preservare la resilienza del settore finanziario, anche per attuare fedelmente la finalizzazione di Basilea III nell’UE senza ritardi e con il minor numero possibile di scostamenti, evitando ulteriori deviazioni dal parere dell’EIOPA sulla revisione di Solvency II;
  • le capacità di gestione del rischio e l’informativa sui rischi ambientali, sociali e di governance (ESG) dovrebbero essere rafforzate, poiché questi rischi stanno diventando sempre più una fonte di rischio finanziario; e
  • le istituzioni finanziarie dovrebbero allocare risorse e competenze adeguate per garantire la sicurezza delle loro infrastrutture di tecnologia dell’informazione e della comunicazione (TIC) e un’adeguata gestione del rischio TIC.
Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 14 maggio
La POG nelle nuove aspettative di vigilanza IVASS
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 24/04
La Newsletter professionale DB
Giornaliera e personalizzabile