WEBINAR / 18 aprile
Titolare effettivo delle persone giuridiche: i nuovi orientamenti FATF – GAFI
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 31/03

WEBINAR / 18 aprile
Titolare effettivo delle persone giuridiche: i nuovi orientamenti FATF – GAFI
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

Crisi da sovraindebitamento: opponibilità dei prelievi da cessione del quinto dello stipendio

22 Dicembre 2020

Silvia Motta

Tribunale di Forlì, 14 luglio 2020 – G.U. Vacca

Di cosa si parla in questo articolo

Il Tribunale di Forlì, nell’ambito di un procedimento di composizione della crisi da sovraindebitamento, prevede che i prelievi derivanti dalla cessione volontaria del quinto dello stipendio, previa verifica dell’opponibilità (data certa e notifica anteriore alla procedura), restano opponibili alla procedura nei limiti del triennio ai sensi degli artt. 2914, n. 2, c.c. e 2918 c.c. come avviene nella procedura fallimentare.

Con questa decisione il Tribunale conferma il principio già più volte enunciato dalla Corte di Cassazione secondo cui “al fallimento del cedente possono essere opposte soltanto le cessioni di credito che siano state notificate al debitore ceduto, o siano state dal medesimo accettate, con atto avente data certa anteriore alla dichiarazione di fallimento, atteso che il disposto dell’art. 2914, comma 1, numero 2), c.c. – secondo il quale sono inefficaci, nei confronti del creditore pignorante e dei creditori che intervengono nell’esecuzione, le cessioni di credito che, sebbene anteriori al pignoramento, siano state notificate al debitore o da lui accettate dopo il pignoramento – opera anche in caso di fallimento del creditore cedente” (Cass. 7.5.2014, n. 9831).

Difatti, ai sensi dell’art. 2914, n. 2, c.c. le cessioni di crediti notificate al debitore ceduto o accettate dal medesimo successivamente al pignoramento, non hanno effetto in pregiudizio del creditore pignorante e dei creditori che intervengono nell’esecuzione, sebbene anteriori al pignoramento ed ai sensi dell’art. 2918 c.c., le cessioni non ancora scadute per un periodo eccedente i tre anni non hanno effetto in pregiudizio del creditore pignorante e dei creditori che intervengono nell’esecuzione.

Il prossimo 22 gennaio si terrà il WebSeminar, organizzato da questa Rivista, di rassegna della giurisprudenza in materia fallimentare dedicata all’anno 2020. Di seguito il programma dell’evento.

Questioni in tema di ammissioni al passivo «critiche»
Luciano Panzani, già Presidente della Corte d’Appello di Roma

Revocatoria nei confronti del fallimento
Francesco Terrusi, Consigliere della Corte di Cassazione

Accordo di ristrutturazione
Antonio Didone, già Presidente di Sezione della Corte di Cassazione

[…]

 

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 05 maggio
Whistleblowing: il decreto di attuazione
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 15/04

WEBINAR / 18 aprile
Titolare effettivo delle persone giuridiche: i nuovi orientamenti FATF – GAFI
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 31/03
Iscriviti alla nostra Newsletter