WEBINAR / 02 dicembre
Adeguatezza MiFID e sostenibilità: le nuove Linee guida ESMA
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro l'11/11

WEBINAR / 02 dicembre
Adeguatezza MiFID e sostenibilità: le nuove Linee guida ESMA
www.dirittobancario.it
Flash News
IT

Cooperazione giudiziaria UE: al via il sistema e-CODEX per lo scambio di dati

1 Giugno 2022
Di cosa si parla in questo articolo

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale europea del 1° giugno 2022, il Regolamento (UE) 2022/850 relativo al sistema “e-CODEX” sullo scambio elettronico transfrontaliero di dati in materia civile e penale per la cooperazione giudiziaria europea.

In particolare, il nuovo Regolamento istituisce il sistema e-CODEX al fine di fornire l’accessibilità effettiva dei cittadini e delle imprese al sistema giudiziario ed agevolare la cooperazione giudiziaria UE in ambito civile, particolarmente nel settore commerciale, e penale tra gli Stati europei.

Lo sviluppo di servizi digitali per lo scambio dei dati in ambito giudiziario è di primaria importanza per l’Unione al fine di costituire un sistema di cooperazione aperto, efficiente, sicuro e rispettoso della privacy.

Il sistema e-CODEX ha lo scopo di ottimizzare l’accesso ai sistemi giudiziari dei Paesi UE permettendo ai cittadini e alle imprese lo scambio di documentazione e prove in modalità digitale con i soggetti competenti.

Il sistema e-CODEX è formato da due elementi:

  • un gateway, per lo scambio di dati con altri gateway;
  • un connettore, che prevede diverse funzioni per lo scambio di dati tra i sistemi IT nazionali.

Il compito di gestire tale piattaforma verrà affidato all’Agenzia eu-LISA, la quale, evidenzia la Commissione ha sviluppato adeguate competenze nella gestione dei sistemi IT su larga scala.

Per consentire un adeguato passaggio di consegne dal soggetto che gestisce il sistema e-CODEX a eu-LISA dovrebbe essere presentato, entro il 31 dicembre 2022, un documento che vada a stabilire dettagliatamente le modalità per il trasferimento, compresi:

  • il gateway,
  • il connettore;
  • gli standard relativi alle procedure elettroniche;
  • i software;
  • la documentazione e le altre risorse di supporto.

Si segnala che, ai sensi dell’art. 42 (1), del regolamento (UE) 2018/1725, il Garante europeo della Privacy è stato interpellato e ha espresso il proprio parere il 26 gennaio 2021,

L’entrata in vigore del Regolamento in oggetto è prevista il ventesimo giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’UE.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 02 dicembre
Adeguatezza MiFID e sostenibilità: le nuove Linee guida ESMA
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro l'11/11
Iscriviti alla nostra Newsletter