WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024


Novità per le banche e problematiche operative

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 07/06


WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024. Novità per le banche e problematiche operative
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

Conversione dell’amministrazione straordinaria in fallimento, acquisizione dei documenti probatori e principio di non contestazione

11 Maggio 2018

Carolina Gentile, praticante notaio presso Zabban, Notari, Rampolla & Associati

Cassazione Civile, Sez I, 18 maggio 2017, n. 12549 – Pres. Nappi, Rel. Fichera

Di cosa si parla in questo articolo

Il decreto di conversione della procedura di amministrazione straordinaria in fallimento non può costituire causa di interruzione del processo, solo considerato il tenore dell’art. 71, comma 2, D.Lgs. 270/1999 che, testualmente, prevede la prosecuzione dell’accertamento dello stato passivo, con la sola sostituzione del curatore al commissario straordinario, essendo quest’ultimo ormai cessato dalle sue funzioni ex lege.

Nel giudizio di opposizione allo stato passivo, l’opponente è tenuto, a pena di decadenza ex art. 99, comma secondo, n. 4) L.F., solo ad indicare specificatamente in seno al ricorso i documenti già prodotti nel corso della verifica dello stato passivo innanzi al giudice delegato; ne consegue che, in difetto di produzione del documento indicato specificatamente in ricorso, il tribunale deve disporne l’acquisizione dal fascicolo della procedura fallimentare ove esso è custodito.

Mediante tale principio di diritto, la Suprema Corte ha ribadito il nuovo orientamento interpretativo riferibile al summenzionato articolo, inaugurato con la sentenza n. 12548/2017.

Il principio di non contestazione, oggi codificato quale tecnica di semplificazione della prova dei fatti dedotti in giudizio, non comporta affatto l’automatica ammissione del credito allo stato passivo, solo perché non contestato dal curatore (o dai creditori eventualmente presenti in sede di verifica), competendo al giudice delegato (e al tribunale fallimentare) il potere di sollevare, in via officiosa, ogni sorta di eccezioni in tema di verificazione dei fatti e delle prove (Cass. 06/08/2015, n. 16554).

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024


Novità per le banche e problematiche operative

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 07/06

Iscriviti alla nostra Newsletter
Iscriviti alla nostra Newsletter