WEBINAR / 08 luglio
Clausole abusive nei contratti bancari


Il superamento del giudicato implicito alla luce della Corte di Giustizia UE

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 24/06

WEBINAR / 08 luglio
Clausole abusive nei contratti bancari - Il superamento del giudicato implicito
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

Il cessionario di un contratto di compravendita di azioni dichiarato nullo non può esercitare i diritti sociali

23 Febbraio 2017

Marco Miraglia, Avvocato presso Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners

Tribunale di Milano, 14 settembre 2016, n. 10078 – Pres. Crugnola, Rel. Mambriani

Di cosa si parla in questo articolo

La decisione in commento dichiara la mancanza di legittimazione attiva ad esercitare i diritti sociali del cessionario parte di un contratto di compravendita di azioni che sia stato dichiarato nullo con sentenza passata in giudicato.

In particolare, tale mancanza di legittimazione attiva si estende a tutto il periodo intercorrente tra la data di efficacia del relativo contratto di compravendita e la data di efficacia della sentenza che lo ha dichiarato nullo, posto che gli effetti dello stesso sono da quest’ultima cancellati ex tunc.

Pertanto, la parte attrice (cessionaria di un contratto di compravendita di azioni poi dichiarato nullo con sentenza passata in giudicato) vede soccombere le sue pretese rispetto ad una questione – la titolarità delle azioni della società – che era pregiudiziale a quelle oggetto del giudizio a monte della sentenza in epigrafe, le quali si fondavano appunto sulla pretesa legittimazione della parte attrice ad esercitare i diritti sociali (nella specie, su tutte, l’impugnativa di una delibera assembleare). 

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 08 luglio
Clausole abusive nei contratti bancari


Il superamento del giudicato implicito alla luce della Corte di Giustizia UE

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 24/06
Iscriviti alla nostra Newsletter