WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale


Impatti per il settore finanziario

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 03/02

WEBINAR / 23 febbraio
Il Regolamento DORA sulla resilienza operativa digitale
www.dirittobancario.it
Flash News

Buoni fruttiferi postali: sanzioni AGCM per pratiche commerciali scorrette

9 Novembre 2022
Di cosa si parla in questo articolo

Con il Provvedimento n. 30346/2022, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) si è espressa in merito a delle pratiche commerciali scorrette adottate in materia di buoni fruttiferi postali.

Il procedimento riguarda una serie di comportamenti adottati relativamente all’informativa sui termini di scadenza e di prescrizione dei buoni fruttiferi postali rappresentati da documento cartaceo e relativi alla mancata comunicazione ai consumatori, in fase di collocamento dei Buoni fruttiferi postali, di tali informazioni e/o nell’aver formulato le stesse con modalità ambigue, nonché nel non aver adottato azioni volte a rendere edotti i titolari dei Buoni fruttiferi postali prossimi alla prescrizione della perdita del capitale investito e degli interessi maturati a seguito della mancata richiesta di rimborso entro il termine di prescrizione.

Le pratiche commerciali scorrette sui Buoni fruttiferi postali

Le pratiche commerciali scorrette oggetto del provvedimento AGCM sono le seguenti:

  • in fase di collocamento dei Buoni fruttiferi postali, è stata omessa l’indicazione della data di scadenza e/o la data di prescrizione dei titoli, nonché non sono state fornite le informazioni inerenti le conseguenze derivanti dal superamento dei predetti termini, e/o ha fornito tali informazioni con una formulazione poco chiara e decettiva;
  • con riferimento ai Buoni fruttiferi postali caduti in prescrizione nell’ultimo quinquennio, è stata omessa l’informativa ai consumatori, titolari di Buoni vicini alla scadenza del termine di prescrizione, dello spirare di tale termine e delle conseguenze derivanti dalla mancata richiesta di rimborso del titolo entro tale termine, nonostante la consapevolezza da parte dell’intermediario dell’alto numero di consumatori che, ignari delle condizioni di disciplina dei titoli in parola, incorrono nella predetta prescrizione e nel conseguente mancato rimborso dei Buoni.

Con riferimento alla prima pratica commerciale scorretta, l’AGCM evidenzia come la condotta tenuta dall’intermediario in sede di collocamento risultasse inidonea ad assicurare un’informazione corretta ed esauriente sui termini di scadenza e di prescrizione dei Buoni sottoscritti e sulle conseguenze giuridiche del loro decorso.

Infatti, continua l’AGCM, il contenuto dei documenti pre-contrattuali e contrattuali relativi ai BFP risulta, caratterizzato da ambiguità ed omissioni che possono indurre in errore il consumatore riguardo alle caratteristiche dei BPF.

Con riferimento alla seconda pratica commerciale scorretta, l’AGCM evidenzia come le risultanze istruttorie abbiano confermato la totale omessa adozione di iniziative volte ad informare i risparmiatori dell’imminente scadenza del periodo di prescrizione per il riscatto dei buoni in loro possesso.

Né il professionista, nonostante i numerosi reclami di risparmiatori che hanno lamentato di non poter recuperare quanto impiegato per l’intervenuta prescrizione, ha dimostrato di essersi attivato individuare possibili soluzioni in grado di tutelare i risparmi dei sottoscrittori di BFP.

Le sanzioni AGCM in materia di Buoni fruttiferi postali

Con riferimento alle pratiche commerciali in materia di Buoni fruttiferi postali analizzate nel provvedimento, l’AGCM ha stabilito che si tratta di pratiche commerciali scorrette e pertanto ne ha vietato la diffusione o continuazione, irrogando per ognuna una sanzione amministrativa pecuniaria, meglio specificata nel documento in allegato.

 

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 07 febbraio
Adeguata verifica a distanza: nuove Linee guida EBA
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 18/01