WEBINAR / 8 giugno
Attuazione Quick Fix MiFID 2


Le nuove modalità di informativa ai clienti

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 10/05

WEBINAR / 8 giugno
Attuazione Quick Fix MiFID 2: le nuove modalità di informativa ai clienti
www.dirittobancario.it
Flash News

Basket Bond: al via le richieste di garanzia

24 Marzo 2023
Di cosa si parla in questo articolo

A partire dal 6 aprile, le imprese potranno presentare richieste di garanzia per i “basket bond”, strumenti finanziari che consentono di ottenere liquidità per finanziare programmi di sviluppo a medio-lungo termine.

Le nuove modalità per la concessione di garanzie presentano diverse novità rispetto al passato.

In primo luogo, è stata inclusa tra i soggetti che possono richiedere la garanzia del Fondo anche la società veicolo (SPV). Questa società si inserisce nell’ambito dei programmi di basket bond sottoscrivendo i titoli emessi dalle imprese e si finanzia a sua volta attraverso l’emissione di titoli sottoscritti da investitori istituzionali. Questa inclusione estende il campo di azione della garanzia, andando a coprire anche le società veicolo.

Inoltre, le nuove modalità operative consentono alle Mid Cap, cioè le imprese con un numero di dipendenti inferiore a 499 ma diverse dalle PMI, di accedere alla garanzia del Fondo. Fino ad ora, la garanzia era rivolta solo alle PMI, ma adesso si allarga il campo alle imprese di maggiori dimensioni.

Inoltre, la percentuale della garanzia è stata aumentata dal 8% al 25% dell’importo complessivo del portafoglio, che deve essere compreso tra 40 e 300 milioni di euro. Ciò significa che il Fondo coprirà una percentuale maggiore del portafoglio, riducendo il rischio per le imprese e rendendo il finanziamento più accessibile.

Per quanto riguarda i singoli bond, l’ammontare previsto è compreso tra i 2 e gli 8 milioni di euro, con una durata massima di 10 anni e comunque non superiore al 5% dell’importo complessivo del portafoglio. Questo permette alle imprese di ottenere finanziamenti per programmi specifici, adattati alle loro esigenze, mantenendo al contempo una buona diversificazione del portafoglio.

Infine, il Fondo ha stanziato 200 milioni di euro per la Sezione speciale dedicata alla concessione di garanzie regolate dalle nuove modalità operative. Queste risorse saranno distribuite tra le richieste presentate dalle imprese che soddisfano i requisiti e che saranno valutate in base ai criteri stabiliti dal Fondo.

Basket Bond: cosa sono?

Il Basket Bond rappresenta una valida alternativa alla tradizionale raccolta di capitali attraverso l’emissione di obbligazioni singole per le PMI e le Mid-Cap, consentendo loro di accedere a un ampio pubblico di investitori istituzionali e retail. Grazie a questo strumento, le imprese possono finanziare i propri programmi di sviluppo in una prospettiva di medio-lungo periodo, con una maggiore flessibilità rispetto alle tradizionali fonti di finanziamento, quali prestiti bancari o l’emissione di obbligazioni singole.

In particolare, il Basket Bond si basa sulla creazione di un portafoglio di obbligazioni emesse da diverse imprese, che viene sottoscritto da investitori istituzionali attraverso una società veicolo (SPV). Questa società veicolo si finanzia a sua volta emettendo titoli sottoscritti dagli investitori istituzionali, garantiti dal Fondo di Garanzia per le PMI. Grazie a questa struttura, le imprese partecipanti possono beneficiare di una maggiore diversificazione del rischio, consentendo loro di accedere al mercato del credito con condizioni più favorevoli rispetto all’emissione di obbligazioni singole.

Il Basket Bond è particolarmente adatto alle PMI e alle Mid-Cap che hanno un rating inferiore rispetto alle grandi aziende quotate in borsa, ma che possono comunque presentare un solido progetto di sviluppo a medio-lungo termine. Grazie a questo strumento, le imprese possono accedere a una fonte di finanziamento alternativa e più flessibile, che consente loro di sviluppare i propri progetti senza gravare eccessivamente sul bilancio aziendale. Inoltre, il Basket Bond può rappresentare una valida opportunità per le imprese italiane che intendono espandersi all’estero, consentendo loro di reperire le risorse necessarie per investire in nuovi mercati e migliorare la propria competitività.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 8 giugno
Attuazione Quick Fix MiFID 2


Le nuove modalità di informativa ai clienti

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 10/05

WEBINAR / 15 giugno
Credito revolving: nuovi orientamenti Banca d’Italia e impatti operativi
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 26/05