WEBINAR / 07 febbraio
Adeguata verifica a distanza: nuove Linee guida EBA
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 18/01

WEBINAR / 07 febbraio
Adeguata verifica a distanza: nuove Linee guida EBA
www.dirittobancario.it
Flash News

Andorra verso una maggiore compliance internazionale

21 Ottobre 2016

A seguito del primo meeting sull’Inclusive Framework relativo al progetto BEPS svoltosi a Kyoto dal 30 Giugno al 1 Luglio scorsi, e del meeting regionale tenutosi a Montevideo dal 21 al 23 Settembre, il numero dei paesi che aderiscono al framework è cresciuto esponenzialmente. Il 14 Ottobre, anche Andorra ha effettuato la propria adesione.

Sempre con riguardo ad Andorra, si segnala come Il 20 settembre 2016 il Consiglio dell’Unione europea ha approvato la conclusione di un’intesa con Andorra che ha l’obiettivo di implementare la tax compliance da parte dei risparmiatori privati. In particolare, l’accordo contribuirà a reprimere l’evasione fiscale, grazie allo scambio automatico di informazioni.

Le misure previste consentiranno alle amministrazioni finanziarie coinvolte di migliorare l’accesso transfrontaliero alle informazioni sui conti finanziari dei rispettivi residenti. L’intento principale è quello di estendere lo scambio automatico di informazioni sui conti finanziari, al fine di evitare che i contribuenti possano nascondere capitali o beni per i quali non abbiano versato le tasse.

Il patto si propone di limitare le possibilità per i contribuenti di evitare di essere segnalati alle autorità fiscali spostando beni da un Paese all’altro. I dati da scambiare riguardano non solo il reddito, come interessi e dividendi, ma rappresentano anche i saldi e i proventi derivanti dalla vendita di attività finanziarie.

L’accordo assicura che Andorra applichi delle misure più stringenti, in linea con quelle in vigore negli Stati membri dell’Unione. Inoltre va considerato che, mentre il testo precedente da cui trae origine si basava sulla direttiva UE relativa ai risparmi fiscali, questa disposizione è stata ora abrogata. Nel dettaglio, la direttiva 2003/48/CE è stata revocata il 10 novembre 2015, al fine di eliminare una sovrapposizione con la direttiva 2014/107/UE, che comprende maggiori prescrizioni volte ad evitare l’evasione.

L’intesa è conforme anche allo scambio automatico di informazioni sui conti finanziari promosso da un standard globale OCSE del 2014.

Recentemente anche il Parlamento italiano ha ratificato l’intesa sullo scambio di informazioni in materia fiscale con il Principato di Andorra, che era stata stipulata a Madrid il 22 settembre 2015.L’accordo è stato redatto sulla scorta del modello TIEA di matrice OCSE e si compone di tredici articoli.


WEBINAR / 07 febbraio
Adeguata verifica a distanza: nuove Linee guida EBA
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 18/01
Iscriviti alla nostra Newsletter