WEBINAR / 1 ottobre
DORA e servizi ICT di terze parti


La gestione dei rapporti contrattuali e dei processi

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 6/09


WEBINAR / 1 ottobre
DORA e servizi ICT di terze parti
www.dirittobancario.it
Flash News

Accordo per vietare il greenwashing e migliorare le informazioni sui prodotti

2 Ottobre 2023
Di cosa si parla in questo articolo

Il Parlamento e il Consiglio europeo hanno raggiunto un accordo provvisorio sulle nuove regole per vietare le pubblicità ingannevoli (greenwashing) e fornire ai consumatori migliori informazioni sui prodotti.

L’accordo aggiorna l’attuale elenco UE di pratiche commerciali vietate e vi aggiunge diverse prassi di marketing problematiche legate al greenwashing e all’obsolescenza precoce dei prodotti.

L’obiettivo delle nuove norme è proteggere i consumatori dalle pratiche ingannevoli e aiutarli a fare scelte di acquisto migliori.

Saranno quindi vietate le seguenti pratiche commerciali:

  • indicazioni ambientali generiche, ad esempio “ecologico”, “naturale”, “biodegradabile”, “neutro per il clima” o “eco”, senza la prova di un’eccellente performance ambientale riconosciuta e pertinente all’indicazione;
  • comunicazioni commerciali su un prodotto con una caratteristica che limita la sua durata se sono disponibili informazioni sulla caratteristica e sui suoi effetti sulla durata;
  • affermazioni basate su schemi di compensazione delle emissioni secondo cui un prodotto ha un impatto neutro, ridotto o positivo sull’ambiente;
  • etichette di sostenibilità non basate su schemi di certificazione approvati o stabiliti da autorità pubbliche;
  • indicazioni sulla durata in termini di tempo o intensità di utilizzo in condizioni normali, se non dimostrate;
  • inviti al consumatore a sostituire i materiali di consumo, come le cartucce d’inchiostro della stampante, prima di quanto sia strettamente necessario;
  • presentare come necessari gli aggiornamenti del software anche se questi si limitano a migliorare le funzionalità;
  • presentare i prodotti come riparabili quando non lo sono.

I deputati hanno insistito con successo sulla necessità di rendere più visibili le informazioni sulla garanzia, poiché molti non sanno che nell’UE tutti i prodotti godono di una garanzia di almeno due anni.

La Commissione è inoltre incaricata di progettare una nuova etichetta per i produttori che desiderano evidenziare la qualità dei loro prodotti estendendo gratuitamente il periodo di garanzia.

Per diventare legge, l’accordo provvisorio dovrà ora ottenere l’ok definitivo del Parlamento e del Consiglio.

Il voto degli eurodeputati è previsto per novembre.

Quando la direttiva entrerà in vigore, gli Stati membri avranno 24 mesi di tempo per incorporare le nuove regole nella loro legislazione.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 26 settembre
Operazioni di pagamento non autorizzate: nuove aspettative di vigilanza


Comunicazione Banca d’Italia 17 giugno 2024

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 3/09


WEBINAR / 1 ottobre
DORA e servizi ICT di terze parti


La gestione dei rapporti contrattuali e dei processi

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 6/09

Iscriviti alla nostra Newsletter