Trasparenza
12/01/2015

Linee Guida EBA sugli obblighi informativi per il settore bancario

L’EBA ha pubblicato tre serie di Linee Guida finali relative alle informazioni che gli istituti bancari dell’Unione Europea devono rendere pubbliche ai sensi del Terzo Pilastro. Queste Linee Guida, condensate in un unico documento, indicano come gli istituti di credito devono applicare i concetti di materialità, natura proprietaria e riservatezza agli obblighi di informativa e come essi devono valutare la frequenza dell’informativa. Le Linee Guida hanno lo scopo di rafforzare la coerenza tra le prassi informative nell’Unione Europea e fanno parte del lavoro dell’EBA per garantire la trasparenza nel settore bancario dell’Unione Europea.

Le Linee Guida forniscono un quadro normativo comune che promuove la coerenza e rafforza la trasparenza nelle valutazioni della materialità, natura proprietaria o riservatezza delle informazioni, nonché la frequenza dell’ informativa, e sono state portate a termine dopo un periodo di consultazione di tre mesi che è terminato nel settembre 2014. Il nuovo quadro normativo in tema di informativa migliorerà la disciplina del mercato e la fiducia in esso.

Nello specifico, queste Linee Guida interessano il procedimento che gli istituti bancari devono seguire e i criteri che devono considerare nella valutazione dell’uso di qualsiasi esenzione dagli obblighi di informativa legata alla materialità o alla natura proprietaria o riservata dell’informativa, o, ancora, alla frequenza di questa. Le Linee Guida indicano anche cosa gli istituti di credito devono considerare se tale esenzione è utilizzata e le informazioni essenziali che devono considerare se scelgono di divulgare informazioni con maggior frequenza rispetto alla base annuale. Questo set di informazioni da rendere pubbliche è stato determinato considerando le prassi degli istituti di credito e le necessità degli utenti in termini di informazioni sulla regolamentazione.

La valutazione dell’informativa svolta dall’EBA dal 2009 ha in effetti mostrato che i concetti di materialità, informazione proprietaria e riservatezza sono applicati in modo diverso dagli istituti bancari nell’Unione Europea. Mentre tali differenze possono riflettere normali divergenze tra gli istituti di credito, informazioni significative e coerenti attraverso il mercato unico rafforzano la fiducia dei soggetti interessati e la disciplina di mercato nel settore bancario dell’UE. Allo stesso modo, un set comune di informazioni più frequenti tra i vari istituti rafforzerà la coerenza e la comparabilità delle informazioni sulla regolamentazione provvisoria accessibili agli utenti.

Queste Linee Guida sono allineate al lavoro condotto a livello internazionale per la revisione delle informative sulla regolamentazione da parte degli istituti di credito.

Per quel che riguarda la materialità, la riservatezza e le informazioni proprietarie, le Linee Guida forniscono una guida ulteriore rispetto al lavoro condotto a livello internazionale.

Le Linee Guida saranno applicate sei mesi dopo la propria pubblicazione nelle lingue ufficiali dell’UE.

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.