Privacy
01/12/2014

Preventivi on line: non sono utilizzabili a fini marketing i dati personali degli utenti senza un consenso specifico

Con provvedimento n. 447 del 9 ottobre 2014 il Garante per la protezione dei dati personali ha richiamato le aziende che offrono servizi di preventivi on line per l’accesso al credito al rispetto delle regole a protezione dei dati personali.

In particolare, le stesse aziende non possono utilizzare a fini di marketing i dati personali degli utenti acquisiti durante la loro ricerca di possibili fonti di finanziamento (prestiti personali, cessioni del quinto, consolidamento di debiti) senza un consenso specifico al trattamento.

L’intervento del Garante è diretto in particolare a tutelare i numerosi consumatori che si rivolgono ai fornitori di servizi che fanno da tramite tra gli utenti e gli intermediari abilitati, come le banche o le società finanziarie.

Nel caso di specie l’Autorità ha accertato che la società di intermediazione on line sottoponeva agli utenti un modello di richiesta di consenso unico, peraltro già pre-compilato nella casella relativa all’assenso, sia per la fornitura del servizio richiesto, sia per finalità diverse, quali l’invio di informazioni commerciali e la fidelizzazione del cliente.

Oltre al provvedimento di divieto, l’Autorità ha prescritto alla società di modificare e integrare l’informativa presente sul sito, avvisando chiaramente gli utenti riguardo a tutti i possibili trattamenti di dati effettuati, alle modalità con cui eventualmente intenda in futuro effettuare l’attività promozionale per conto proprio o di soggetti terzi e anche all’eventuale comunicazione ad altri soggetti. In ogni caso, per poter continuare a raccogliere dati personali per finalità diverse da quella di erogazione del servizio, la società dovrà acquisire un consenso specifico per ciascuna finalità.

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.