NPL
17/12/2020

NPL: la Comunicazione della Commissione UE sulla strategia per i crediti deteriorati

La Commissione europea ha pubblicato la Comunicazione sulla strategia di gestione dei crediti deteriorati (NPL) nell’Unione europea nell’ambito della crisi da Covid 19.

Le misure della Commissione hanno quattro obiettivi principali.

1. Favorire l’ulteriore sviluppo dei mercati secondari delle attività deteriorate per permettere alle banche di eliminare i crediti deteriorati dai loro bilanci rafforzando al contempo la tutela dei debitori. Sul punto la Commissione ritiene importante l’adozione della proposta propria proposta sui gestori di crediti e sugli acquirenti di crediti attualmente all’esame del Parlamento europeo e del Consiglio. La Commissione ritiene che occorra istituire un polo elettronico centrale di dati a livello dell’UE per migliorare la trasparenza del mercato. Questo polo, che fungerebbe da depositario di dati a sostegno del mercato dei crediti deteriorati, consentirebbe un migliore scambio di informazioni tra tutti gli attori coinvolti (venditori di crediti, acquirenti di crediti, gestori di crediti, società di gestione di attivi e piattaforme private per i crediti deteriorati), per garantire un trattamento efficace dei crediti deteriorati.

2. Riformare la normativa dell’UE in materia di insolvenza delle imprese e di recupero crediti. La Commissione invita il Parlamento e il Consiglio a raggiungere rapidamente un accordo sulla proposta legislativa relativa a norme minime di armonizzazione in materia di escussione extragiudiziale accelerata delle garanzie presentata dalla Commissione nel 2018.

3. Sostenere a livello dell’UE la creazione di società nazionali di gestione di attivi e la loro cooperazione. In tal modo le banche, invece di gestire i crediti deteriorati, possono dedicarsi all’erogazione di prestiti alle famiglie e alle imprese redditizie.

4. Misure precauzionali. Date le circostanze particolari della crisi sanitaria in corso, per garantire il finanziamento dell’economia reale le autorità hanno la possibilità, se necessario, di attuare misure precauzionali di sostegno pubblico, a norma della direttiva dell’UE sul risanamento e la risoluzione nel settore bancario e dei quadri normativi in materia di aiuti di Stato.

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.