Fiscalità finanziaria
18/09/2019

Chiarimenti AE sul regime fiscale dei redditi da cessione di titoli soggetti a diritto di usufrutto con patto di rotatività

Con Risposta n. 384 del 17 settembre 2019 l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti sul regime fiscale applicabile ai redditi diversi derivanti dalla cessione di titoli su cui grava un diritto di usufrutto con patto di rotatività.

Per i motivi meglio espressi nella Risposta in allegato, l’Agenzia ha chiarito come, ai fini della determinazione della plusvalenza/minusvalenza derivante dalla cessione a titolo oneroso del titolo gravato da usufrutto, il corrispettivo dovrà essere ripartito tra l’usufruttuario e il nudo proprietario in ragione del valore del diritto di usufrutto e della nuda proprietà alla data della cessione, determinati sulla base dei coefficienti di cui al citato decreto ministeriale.

Nel caso di specie, ai fini dell’applicazione degli articoli 67 e 68 del Tuir, il soggetto istante, relativamente al proprio diritto e ad ogni singola operazione di cessione, determinerà la plusvalenza realizzata, ancorché non incassata in quanto reinvestita, da assoggettare a tassazione:

  • con riferimento alla cessione dei titoli ricevuti in eredità, quale differenza tra il corrispettivo della cessione ad esso imputabile e il costo fiscale determinato al momento della successione come sopra determinato;
  • con riferimento ai titoli acquistati successivamente, quale differenza tra il corrispettivo della cessione ad esso imputabile e il costo di acquisto del titolo determinato applicando i citati coefficienti.

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.