Array
(
    [22972] => Array
        (
            [parent] => Tax
            [childrens] => Array
                (
                    [23321] => Accertamento
                )

        )

)
Tax - Accertamento
10/07/2018

Indagini finanziarie: per legittimare l’accertamento occorre la prova della riferibilità al contribuente dei movimenti sul conto a lui non intestato

Cassazione Civile, Sez. V, 13 aprile 2018, n.9212 - Pres. Virgilio, Rel. Perrino

In materia di avvisi di accertamento emessi dall’Agenzia delle Entrate nei confronti di una società sulla base di indagini finanziarie svolte sulle persone dei soci e di soggetti agli stessi collegati (nella fattispecie la figlia), la Corte di Cassazione afferma che è necessario che la stessa provi che i conti, se pure intestati a soggetti diversi dalla società, nella realtà siano comunque utilizzati, anche in parte, per operazioni riferibili alla contribuente. Tale prova può essere fornita anche tramite presunzioni, e senza necessità di provare che tutte le movimentazioni di tali rapporti rispecchino operazioni aziendali.

In sintesi, secondo la Suprema Corte, è necessario che l’Amministrazione Finanziaria alleghi elementi idonei a far presumere che i conti esaminati siano utilizzati dalla società, senza che però sia necessario provare che gli stessi siano stati fittiziamente intestati ai terzi.

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.