Array
(
    [22970] => Array
        (
            [parent] => Banca e Finanza
            [childrens] => Array
                (
                    [11263] => Spese e commissioni
                    [11321] => Usura
                )

        )

)
Banca e Finanza - Spese e commissioni - Usura
21/06/2018

Le Sezioni Unite sul computo della commissione di massimo scoperto ai fini usura

Cassazione Civile, Sez. Un., 20 giugno 2018, n. 16303 - Pres. Mammone, Rel. De Chiara

Con riferimento ai rapporti svoltisi, in tutto o in parte, nel periodo anteriore all’entrata in vigore delle disposizioni di cui all’art. 2 bis d.l. n. 185 del 2008, inserito dalla legge di conversione n. 2 del 2009, ai fini della verifica del superamento del tasso soglia dell’usura presentata come determinato in base alle disposizioni della legge n. 108 del 1996, va effettuata la separata comparazione del tasso effettivo globale d’interesse praticato in concreto e della commissione di massimo scoperto (CMS) eventualmente applicata - intesa quale commissione calcolata in misura percentuale sullo scoperto massimo verificatosi nel periodo di riferimento - rispettivamente con il tasso soglia e con la "CMS soglia", calcolata aumentando della metà la percentuale della CMS media indicata nei decreti ministeriali emanati ai sensi dell’art. 2, comma 1, della predetta legge n. 108, compensandosi, poi, l’importo della eventuale eccedenza della CMS in concreto praticata, rispetto a quello della CMS rientrante nella soglia, con il "margine" degli interessi eventualmente residuo, pari alla differenza tra l’importo degli stessi rientrante nella soglia di legge e quello degli interessi in concreto praticati.

Comments

giurisprudenza/banca-e-finanza/spese-e-commissioni/le-sezioni-unite-sul-computo-della-commissione-di-massimo-scoperto

FUNDITUS ......

Le S.U., fra i due orientamenti contrapposti - l'uno che riteneva da computare la commissione di massimo scoperto negli interessi da considerare ai fini del superamento della soglia usura, in ragione della portata innovativa del Dl 185/2008 (art. 2 bis), con conseguente sua retroattività -, hanno prestato adesione a quello che ha invece confutato il presunto carattere "interpretativo" e quindi "retroattivo" del predetto articolo 2-bis del Dl 185/2008, tenuto conto che i decreti ministeriali di rilevazione del Tegm ex articolo 2, comma 1, della legge 108/1996 emanati nello stesso periodo, secondo le istruzioni di Bankit, hanno delimitato tale tasso senza comprendere nel computo l'ammontare di massimo scoperto. Cordialmente. Donato Giovenzana - Legale d'impresa

Post new comment

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.