Array
(
    [22970] => Array
        (
            [parent] => Banca e Finanza
            [childrens] => Array
                (
                    [22459] => Conto corrente
                )

        )

)
Banca e Finanza - Conto corrente
21/11/2017

Inesistenza di un onere di specifica allegazione delle rimesse solutorie ai fini della prescrizione

Cassazione Civile, Sez. VI, 26 luglio 2017, n. 18581 - Pres. Genovese, Rel. Falabella
Stefano Daprà, Dottore di ricerca in diritto privato, Università di Trento

Solo se il correntista, attore in ripetizione, produce in giudizio gli estratti conto a dimostrazione del fatto costitutivo del diritto azionato è possibile prendere in esame l’eccezione di prescrizione sollevata dalla banca convenuta (e, così, il fatto estintivo, in tutto o in parte, di tale diritto). In tal caso, la natura ripristinatoria o solutoria dei singoli versamenti emerge ex actis e non è dunque necessario che la banca convenuta fornisca specifica indicazione delle rimesse solutorie cui è applicabile la prescrizione, secondo gli insegnamenti di Cass. Sez. Un. 2 dicembre 2010, n. 24418. È pertanto sufficiente che la banca eccepisca la prescrizione con riguardo a tutte le rimesse operate dal correntista nel periodo antecedente il decennio dalla data di chiusura del conto, manifestando in tal modo la volontà di avvalersi della prescrizione. Sarà, poi, compito del giudice (se del caso con l’ausilio di consulente tecnico) verificare quali di queste rimesse, per essere solutorie, siano rilevanti ai fini dell’eccezione, potendosi considerare quali pagamenti. 

Comments

Post new comment

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.