WEBINAR / 29 marzo
Ius Variandi: i nuovi criteri Banca d’Italia


Le modifiche motivate dall’andamento dei tassi d’interesse e dell’inflazione

ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 10/03

WEBINAR / 29 marzo
Ius Variandi: i nuovi criteri Banca d’Italia
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

Usura: divieto di sommatoria tra interessi moratori e corrispettivi nel calcolo del TEG

14 Gennaio 2019

Tribunale di Torino, 3 ottobre 2018, n. 4578 – G.U. Vitro

Di cosa si parla in questo articolo

La cumulabilità tra interessi moratori e corrispettivi va intesa nel senso di composizione secondo il regime del TAEG, dove gli interessi corrispettivi si applicano alla quota del capitale in essere e gli interessi di mora si applicano alla quota del capitale insoluto.

Nel contratto di mutuo infatti il mancato pagamento di una rata, in quanto inadempimento contrattuale, fa decorrere gli interessi di mora che si sostituiscono a quelli corrispettivi. Questi ultimi continuano a decorrere in base al piano di ammortamento stabilito sul residuo capitale mutuato.

Date queste considerazioni, appare l’illogicità della somma dei due tassi, che si riferiscono a capitali diversi e per periodi temporali diversi. Il tasso corrispettivo si riferisce all’intero capitale di credito per il periodo previsto da contratto per il finanziamento, il tasso di mora si riferisce invece alla rata scaduta e/o al capitale scaduto ed è dovuto per il periodo successivo alla loro scadenza.

Dunque, il tasso di mora sostituisce il tasso corrispettivo e, pertanto, è escluso che il TEG contrattuale ai fini della verifica dell’usura possa corrispondere alla sommatoria dei tassi.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 18 aprile
Titolare effettivo delle persone giuridiche: i nuovi orientamenti FATF – GAFI
ZOOM MEETING Offerte per iscrizioni entro il 31/03
Iscriviti alla nostra Newsletter