WEBINAR / 17 Settembre
La nuova governance antiriciclaggio nelle assicurazioni


Provvedimento IVASS 4 giugno 2024 n. 144

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 29/08


WEBINAR / 17 Settembre
La nuova governance antiriciclaggio nelle assicurazioni
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

Sulla (in)efficacia esterna della liquidazione dei compensi legali disposta dall’assicuratore r.c.a.

22 Dicembre 2021

Massimo Mazzola, Dottore di ricerca e professore di Diritto assicurativo, Università di Trento; avvocato

Cassazione Civile, Sez. VI, 6 maggio 2021, n. 11859 – Pres. Lombardo, Rel. Criscuolo

Di cosa si parla in questo articolo

Con pronuncia n. 11859 del 6 maggio scorso, la Suprema Corte ha confermato il proprio orientamento secondo cui la liquidazione del compenso dovuto al legale che abbia assistito, in fase stragiudiziale, il danneggiato, coinvolto in un sinistro stradale, siccome disposta dalla Compagnia (v. art. 3, d.l. 23 dicembre 1976, n. 857 e ss.mm., riprodotto all’art. 148, co. 11, d.lgs. 7 settembre 2005, n. 209), è priva di efficacia esterna rispetto al rapporto d’opera professionale corrente tra questi ultimi, avendo tale disciplina, quale propria esclusiva finalità, l’emersione del reddito maturato dal professionista (v., in precedenza, Cass. civ., sez. II, 23 settembre 2010, n. 20099).

In altri termini, il liquidatore, in sede di definizione stragiudiziale del sinistro, non può – salvo, ovviamente, diverso accordo tra le parti – stabilire in maniera vincolante anche il compenso che il danneggiato è tenuto a corrispondere al legale che ha condotto le trattative nel relativo interesse.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 17 Settembre
La nuova governance antiriciclaggio nelle assicurazioni


Provvedimento IVASS 4 giugno 2024 n. 144

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 29/08


WEBINAR / 1 ottobre
DORA e servizi ICT di terze parti


La gestione dei rapporti contrattuali e dei processi

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 6/09

Iscriviti alla nostra Newsletter