WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024


Novità per le banche e problematiche operative

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 07/06


WEBINAR / 21 giugno
Il pignoramento presso terzi alla luce del decreto n. 19/2024. Novità per le banche e problematiche operative
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

Stock lending: indeducibile la commissione per il prestito

26 Maggio 2022

Cassazione Civile, Sez. V, 24 maggio 2022, n. 16685 – Pres. Cirillo, Rel. Cataldi

Di cosa si parla in questo articolo

Con ordinanza n. 16685 del 24 maggio 2022 (Pres. Cirillo, Rel. Cataldi), la quinta sezione civile della Corte di Cassazione è tornata ad analizzare il contratto di stock lending, ossia prestito di azioni, delineandone i tratti essenziali.

Cos’è il contratto di stock lending?

Il contratto di stock lending prevede un prestito di titoli con diritto all’incasso dei dividendi a fronte del pagamento di una commissione, da parte del mutuatario (borrower), e contestuale costituzione di una garanzia in denaro o altri titoli per un ammontare superiore ai titoli oggetto del prestito, a garanzia per il mutuante (lender) dell’obbligo di restituzione.

Attraverso il contratto di stock lending, il lender può beneficiare di margini reddituali senza aumentare i propri rischi di mercato, che rimangono quelli del proprio portafoglio, non alterando la flessibilità nella gestione dell’investimento e senza condizionare le scelte operative. 

Il contratto di stock lending si caratterizza quindi per la mancanza di alea contrattuale rispetto al pagamento della commissione, da riconoscere a prescindere dal valore dei dividendi distribuiti

La disciplina fiscale dello stock lending

Da un punto di vista fiscale, la presente ordinanza, sul presupposto dell’assimilazione tra prestito di azioni e usufrutto di azioni, ha confermato il proprio precedente orientamento espresso anzitutto con sentenza del 12 maggio 2017, n. 11872, secondo cui il costo della commissione riconosciuto dal prestatario (borrower) in favore del prestatore (lender) quale corrispettivo del prestito deve ritenersi indeducibile, al pari di quanto avviene per il costo di acquisto del diritto d’usufrutto.  

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 30 Maggio
Clausole di fallback e piani di sostituzione nel nuovo 118-bis TUB

ZOOM MEETING
Offerte per iscrizioni entro il 16/05

Una raccolta sempre aggiornata di Atti, Approfondimenti, Normativa, Giurisprudenza.
Iscriviti alla nostra Newsletter