WEBINAR / 26 settembre
Operazioni di pagamento non autorizzate: nuove aspettative di vigilanza


Comunicazione Banca d’Italia 17 giugno 2024

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 3/09


WEBINAR / 26 settembre
Operazioni di pagamento non autorizzate: nuove aspettative di vigilanza
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

Commissione di massimo scoperto: clausola nulla se indicata solo in percentuale

27 Giugno 2022

Cassazione Civile, Sez. I, 20 giugno 2022, n. 19825 – Pres. De Chiara, Rel. Amatore

Di cosa si parla in questo articolo

Con sentenza n. 19825, del 20 giugno 2022, la Cassazione si è pronunciata in materia di usura per l’applicazione ab origine di interessi ultra soglia derivanti dal cumulo degli interessi e della commissione di massimo scoperto.

Nel caso di specie, la corte d’appello territorialmente competente evidenziava che nel contratto di conto corrente non era stata fornita alcuna definizione di “tasso d’interesse debitore netto” né che era evincibile che si trattasse del “tasso annuo determinato dalla capitalizzazione trimestrale”, inoltre, nel contratto stipulato con il cliente non erano contenuti elementi certi e predeterminati per la quantificazione della commissione di massimo scoperto, non essendo rilevante l’indicazione della stessa negli estratti conto a scalare e nei conteggi delle competenze periodicamente inviati.

In ordine alla validità della clausola contrattuale regolante la CMS, la Cassazione ha evidenziato che, la stessa, per essere valida e non affetta da nullità per indeterminatezza dell’oggetto, non solo deve essere pattuita e indicata nel contratto ma deve anche esplicitare i criteri e le modalità di calcolo della stessa.

Pertanto, continua la Cassazione, deve considerarsi nulla per indeterminatezza dell’oggetto la clausola che preveda la commissione di massimo scoperto indicandone semplicemente la misura percentuale, senza specificare le modalità di calcolo e di quantificazione della stessa, posto che, in tal caso, il correntista non potrà essere in grado di conoscere quando e come sorgerà l’obbligo di dover corrispondere la suddetta commissione alla banca.

Non è perciò legittima una clausola negoziale nella quale la commissione di massimo scoperto venga indicata unicamente mediante una determinata percentuale, senza alcun riferimento al valore sul quale dovesse essere calcolata tale percentuale.

Di cosa si parla in questo articolo

WEBINAR / 26 settembre
Operazioni di pagamento non autorizzate: nuove aspettative di vigilanza


Comunicazione Banca d’Italia 17 giugno 2024

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 3/09


WEBINAR / 1 ottobre
DORA e servizi ICT di terze parti


La gestione dei rapporti contrattuali e dei processi

ZOOM MEETING

Offerte per iscrizioni entro il 6/09

Iscriviti alla nostra Newsletter