WEBINAR / 05 novembre 2021
Crisi d'impresa e risanamento aziendale
Le novità del dl 118/2021 convertito in legge
ZOOM MEETING
WEBINAR/ 5novembre 2021
Crisi d'impresa e risanamento aziendale - Le novità del dl 118/2021 convertito in legge - WEBINAR
www.dirittobancario.it
Giurisprudenza

Al contratto di put option non è applicabile la risoluzione per eccessiva onerosità sopravvenuta

20 Maggio 2014

Tribunale di Milano, 22 gennaio 2014, n. 1419

Con la sentenza del 30 gennaio 2014, il Tribunale di Milano, sezione specializzata in materia di impresa B, ha stabilito che al contratto di put option non è applicabile il rimedio della risoluzione per eccessiva onerosità sopravvenuta (art. 1467 c.c.). Nel caso di specie, non è stato dimostrato che l'onerosità della prestazione, derivante dalla variazione di valore del sottostante, discenda da eventi di per sé straordinari e non prevedibili, in quanto diversi dalle normali oscillazioni del titolo, conseguenti a fattori fisiologici, quali l'andamento dell’impresa sociale ovvero del mercato specifico borsistico.

A prescindere dalla qualificazione del contratto di put option, come negozio aleatorio o come negozio commutativo, la struttura di tale contratto consiste nella dipendenza del contenuto della prestazione di una delle parti dalla variazione di dati economici.

Pertanto, la variabilità dell'andamento del titolo appare di per sé inerente all'oggetto del contratto ed elemento connesso alla causa del negozio, non legittimando la risoluzione ex articolo 1467 c.c.

Inoltre, secondo il Tribunale, ai fini dell'applicabilità della risoluzione per eccessiva onerosità sopravvenuta, considerata la struttura del negozio in questione, non rileva il fatto dal contratto non risulta l’espressa esclusione del rimedio ex art. 1467 c.c. ad opera delle parti.


WEBINAR / 01 dicembre 2021
Estinzione anticipata dei finanziamenti CCD e MCD alla luce del Decreto Sostegni bis
ZOOM MEETING Offerta per iscrizioni entro il 10/11
Iscriviti alla nostra Newsletter