Collegio di Roma, 23 aprile 2010, n.284

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Indicazioni utili a migliorare le relazioni della banca con la clientela, Apertura di credito / Recesso
  • Parole chiave: Apertura di credito, Indicazioni utili al fine di favorire le relazioni fra intermediari e clienti, Principi di correttezza e buona fede, Recesso
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 23 aprile 2010, n.284
  • Scarica testo in pdf

Al fine di favorire le relazioni fra intermediari e clienti, si evidenzia come, nel pieno rispetto dei principi di correttezza e buona fede di cui agli artt. 1175 e 1375 c.c., l’esercizio del diritto di recesso dal contratto di apertura di credito, anche laddove consentito in difetto di giusta causa, non deve assumere connotati del tutto imprevisti ed arbitrari, tali cioè da contrastare con la ragionevole aspettativa di chi, in base ai comportamenti usualmente tenuti dalla banca e all’assoluta normalità commerciale dei rapporti in atto, abbia fatto conto di poter disporre della provvista creditizia per il tempo previsto.