Collegio di Napoli, 30 luglio 2010, n.835

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Responsabilità della banca / Home banking, Home banking / Obblighi per la banca
  • Parole chiave: Diligenza professionale, Frodi, Internet banking o home banking, Presidi tecnici, Responsabilità della banca
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 30 luglio 2010, n.835
  • Scarica testo in pdf

 

Deve riconoscersi la responsabilità della banca laddove appaia incontrovertibile che, pur avendo questa adottato determinati accorgimenti tecnici allo scopo di proteggere la sicurezza nell’uso della rete per l’esecuzione da parte dei clienti di operazioni sui propri conti correnti (c.d. internet banking o home banking), ciononostante, all’epoca dei fatti controversi, la tecnologia aveva già messo a disposizione dispositivi più raffinati, sicuri ed affidabili di quelli in concreto adottati e perciò maggiormente adeguati rispetto all’obiettivo suddetto in quanto capaci di offrire al cliente un terzo livello di protezione, come le serie numeriche casuali e random, generate da dispositivi automatici quali chiavette o token, digipass, et similia.