Collegio di Napoli, 27 luglio 2010, n.809

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Home banking / Obblighi per il cliente
  • Parole chiave: Circostanze rilevanti, Concorso colposo, Home banking, Obblighi del cliente, Utilizzo fraudolento
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 27 luglio 2010, n.809
  • Scarica testo in pdf

 

Sussiste la colpa concorrente del cliente ex art. 1227 c.c. laddove lo stesso non dimostra di avere custodito con la necessaria diligenza i codici di accesso al conto on line (la password, ad esempio, andava cambiata al primo accesso, ma il cliente afferma di non aver effettuato disposizioni, salvo poi dichiarare di avere consultato il conto tramite il canale telematico) e,  soprattutto, non vi sia prova delle reiterate richieste che il cliente avrebbe inoltrato alla banca per ottenere sistemi di sicurezza aggiuntivi (disponibili, seppure non obbligatori), che con buona probabilità avrebbero impedito il verificarsi del lamentato evento fraudolento.