Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.848

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Home banking / Phishing
  • Parole chiave: Frode informatica, Home banking, Non attivazione da parte del cliente, Phishing, Sistemi di protezione
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 02 agosto 2010, n.848
  • Scarica testo in pdf

 

In caso di frode informatica riconducibile alla categoria del c.d. phishing, non è ascrivibile alcuna responsabilità dell’intermediario abbia provveduto a mettere a disposizione della clientela, nell’ambito del servizio di home banking, alcune innovative modalità di autenticazione degli ordini e di comunicazione della ricezione degli stessi di cui il cliente però ha deciso di non avvalersi (nel caso di specie, la banca aveva offerto ai clienti, nell’ambito dell’attività di home-banking, un nuovo sistema di sicurezza consistente nell’autenticazione delle operazioni dispositive di conto corrente mediante la chiamata ad un numero verde dal cellulare del cliente: di tale sistema il cliente non aveva richiesto l’attivazione).