Collegio di Roma, 31 maggio 2010, n.472

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Conto Corrente Bancario / Disciplina generale, Polizze assicurative
  • Parole chiave: Accessorietà, Cointestazione, Conto Corrente Bancario, Polizza assicurativa a copertura del saldo debitorio, Ruolo della banca
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 31 maggio 2010, n.472
  • Scarica testo in pdf

 

Nel caso in cui il contratto di assicurazione (nel caso di specie, stipulato su moduli della Banca) appaia legato a quello di conto corrente da un rapporto di accessorietà - essendo finalizzato, da un lato, a preservare gli aventi causa dell’assicurato dal rischio di “ereditare” debiti del de cuius e, dall’altro, a garantire al creditore il pronto pagamento del debito, scongiurando il rischio dell’inadempimento - deve escludersi che il ruolo della banca fosse circoscritto all’incasso della liquidazione disposta in esecuzione del relativo contratto di assicurazione (nel caso di specie, la banca, riscontrando negativamente il reclamo, facendo presente di essere estranea ai problemi riguardanti il ritardato rimborso delle somme come da polizza, non essendo l’emittente della stessa “ma solo il soggetto “mandatario” per l’incasso delle somme da liquidare”).