Collegio di Napoli, 28 maggio 2010, n.460

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Commissione di massimo scoperto, Ius variandi (art. 118 TUB) / Disciplina generale
  • Parole chiave: Apertura di credito in conto corrente, Art. 118 TUB, Commissione di massimo scoperto, Corrispettivo sull’accordato, Ius variandi, Limiti
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 28 maggio 2010, n.460
  • Scarica testo in pdf

 

Premesso che lo ius variandi previsto dall’art. 118, co. 1, T.U.B. è utilizzabile solo per le modifiche di una clausola preesistente, ma non per l’introduzione di una nuova clausola, la proposta di modifica unilaterale del contratto avendo a oggetto la sostituzione della “commissione di massimo scoperto” con un nuovo regime commissionale (“corrispettivo sull’accordato”) deve ritenersi introduttiva di una (vera e propria) nuova clausola laddove lo stesso preponente dia atto, nella suddetta proposta di modifica, del fatto che tali regimi commissionali siano tra loro reciprocamente “alternativi”. Ciò implica che non sia al contempo sostenibile che trattasi di mera modificazione, e piuttosto debba trattarsi di introduzione di clausola nuova, sottratta perciò allo speciale sistema di formazione della volontà comune delle parti che è nell’art. 118 T.U.B..