Collegio di Roma, 09 luglio 2010, n.708

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Conto Corrente Bancario / Chiusura ed estinzione, Conto Corrente Bancario / Cointestazione, Conto Corrente Bancario / Successione mortis causa
  • Parole chiave: Cointestazione, Conto Corrente Bancario, Effetti, Morte di uno dei cointestatari, Richiesta di chiusura del conto e di incasso del saldo attivo
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 09 luglio 2010, n.708
  • Scarica testo in pdf

 

In caso di deposito bancario intestato a più persone, con facoltà per le medesime di compiere operazioni attive e passive anche disgiuntamente, si realizza una solidarietà dal lato attivo dell’obbligazione che sopravvive alla morte di uno dei contitolari. In particolare, il contitolare ha diritto di chiedere, anche dopo la morte dell’altro, l’adempimento dell’intero saldo del deposito e l’adempimento così conseguito libera la banca verso gli eredi dell’altro contitolare. Ne consegue per la banca l'obbligo di eseguire la richiesta del cointestatario superstite di chiusura del conto in questione e di incasso del relativo saldo attivo.