Collegio di Napoli, 12 luglio 2010, n.723

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Servizio di tesoreria
  • Parole chiave: Assegno circolare non trasferibile, Azione diretta, Irregolarità, Modalità di esecuzione, Responsabilità dell’intermediario, Servizio di tesoreria
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 12 luglio 2010, n.723
  • Scarica testo in pdf

 

Nel caso di prestazione del “servizio di tesoreria”, devono ritenersi senza dubbio irregolari le modalità di esecuzione delle indicazioni fornite all’intermediario tesoriere da parte dell’Ente pubblico territoriale laddove, giacché invece di emettere un unico assegno non trasferibile dell’importo di euro 22.216,75, siano stati emessi ben cinque assegni di importo minore non recanti la clausola di non trasferibilità. In tali ipotesi, appare evidente che possa ritenersi configurabile una responsabilità diretta dell’intermediario nei confronti del terzo creditore in considerazione della indiscutibile rischiosità della modalità di pagamento prescelta.