Collegio di Roma, 24 giugno 2010, n.614

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Mutuo / Cointestazione, Indicazioni utili a migliorare le relazioni della banca con la clientela
  • Parole chiave: Cointestazione, Firma disgiunta, Indicazioni utili a favorire le relazioni tra intermediari e clienti, Mutuo, Variazioni
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 24 giugno 2010, n.614
  • Scarica testo in pdf

 

Al fine di favorire le relazioni tra intermediari e clienti, si evidenzia l’esigenza per i clienti di essere costantemente informati circa le decisioni assunte dalla Banca, anche quando essa agisce nel rispetto delle previsioni di legge e di contratto (nel caso di specie, a fronte della richiesta di variazione del conto sul quale si era originariamente convenuto di regolare l’ammortamento del mutuo presentata dalla coniuge del ricorrente, cointestataria del conto e abilitata a disporre sul medesimo disgiuntamente dal coniuge, l’intermediario aveva provveduto a realizzare le richieste variazioni senza informare l’altro cointestatario).