Collegio di Milano, 19 novembre 2010, n.1332

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Bancomat e carte di debito / Obblighi per il cliente, Bancomat e carte di debito / Smarrimento e furto della carta
  • Parole chiave: Bancomat e carte di debito, Circostanze rilevanti, Operazioni fraudolente, Responsabilità del cliente
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 19 novembre 2010, n.1332
  • Scarica testo in pdf

Il titolare è responsabile delle operazioni di prelievo quando attraverso la ricostruzione delle circostanze di fatto del caso concreto si possa ragionevolmente presumere che il PIN fosse custodito insieme con la carta e che fosse individuabile e relazionabile alla carta facilmente e in breve tempo (nel caso di specie, il furto è avvenuto alle 19.40 mentre i quattro prelevamenti bancomat dell'importo di € 250,00, sono avvenuti le 19,46 e le 19,49, risultando palese che sia trascorso troppo poco tempo tra furto e prelevamenti sicché si deve supporre che il ladro abbia agevolmente trovato custoditi insieme sia la tessera bancomat sia il PIN).