Collegio di Milano, 20 aprile 2010, n.250

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Bancomat e carte di debito / Smarrimento e furto della carta
  • Parole chiave: Bancomat, Digitazione corretta del PIN, Furto, Obblighi di custodia, Responsabilità del titolare della carta
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 20 aprile 2010, n.250
  • Scarica testo in pdf

Laddove le operazioni contestate dal titolare della carta siano state tutte effettuate con la corretta digitazione del PIN, non è dubitabile che il cliente abbia omesso di adottare le dovute cautele nell’osservanza delle regole di segretezza e di custodia del PIN stesso, rendendo così possibile l’uso normale del bancomat a chi se ne era impossessato furtivamente. Alla violazione di tali obblighi consegue la responsabilità del cliente per ogni conseguenza dannosa che possa derivare dall’uso illecito della carta e del PIN.