Array
(
    [22970] => Array
        (
            [parent] => Banca e Finanza
            [childrens] => Array
                (
                    [11321] => Usura
                )

        )

)
Banca e Finanza - Usura
29/01/2016

La contabilizzazione degli interessi usurari da parte della banca realizza un profitto del reato

Cassazione Penale, Sez. II, 27 ottobre 2015, n. 45642 – Pres. Esposito – Rel. Alma

In tema di usura penale bancaria, configura un profitto del reato – come tale confiscabile – la mera contabilizzazione in conto corrente di interessi usurari a carico del cliente. E infatti, lo stesso risulta già privato, per il fatto della contabilizzazione, della facoltà di disporre delle somme pari agli interessi usurari; mentre la banca è già in condizione di apprendere quelle somme.

Per affermare il principio ora esposto, la Suprema Corte si è richiamata a un proprio provvedimento (Cass. Sez. 6, sent. n. 45090 del 02/10/2014), secondo cui nel concetto di «interessi usurari concretamente corrisposti» debbono essere intesi anche quelli «eventualmente (corrisposti - ndr) anche mediante la consegna di titoli di credito, irrilevante essendo, invece, che questi ultimi siano stati utilizzati o riscossi, posto che tali documenti, per la loro autonomia rispetto ai diritti incorporati, possono essere comunque oggetto di misura ablatoria».

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.