Array
(
    [10959] => Array
        (
            [parent] => Assicurazioni
        )

)
Assicurazioni
21/05/2012

Polizze unit linked: il giudizio sulla natura del contratto non è impugnabile avanti la Corte di Cassazione

Cassazione Civile, Sez. III, 18 aprile 2012, n. 6061

Con sentenza n. 6061 del 18 aprile 2012 la III^ Sezione Civile della Suprema Corte di Cassazione afferma il principio secondo cui, in tema di contratto di assicurazione sulla vita stipulato prima dell’entrata in vigore della legge n. 262 del 2005 e del D.Lgs. n. 303 del 2006, nel caso in cui sia stabilito che le somme corrisposte dall’assicurato a titolo di premio vengano versate in fondi di investimento interni o esterni all’assicuratore e che alla scadenza del contratto o al verificarsi dell’evento in esso dedotto l’assicuratore sarà tenuto a corrispondere all’assicurato una somma pari al valore delle quote del fondo mobiliare al momento stesso (polizze denominate unit linked), il giudice del merito, al fine di stabilire se l’impresa emittente, l’intermediario ed il promotore abbiano violato le regole di leale comportamento previste dalla specifica normativa e dall’art. 1337 c.c., deve interpretare il contratto al fine di stabilire se esso, al di là del nomea iuris attribuitogli, sia da identificare effettivamente come polizza assicurativa sulla vita (in cui il rischio avente ad oggetto un evento dell’esistenza dell’assicurato è assunto dall’assicuratore), oppure si concreti nell’investimento in uno strumento finanziario (in cui il rischio c.d. di performance sia per intero addossato sull’assicurato).

Tale giudizio, evidenzia la Cassazione, in quanto rispettoso delle regole di ermeneutica contrattuale ed espresso con motivazione congrua e logica, non può essere sottoposto a censura in sede di legittimità.

Comments

Inserisci un nuovo commento

CAPTCHA
Questo passaggio serve per prevenire azioni di spam.