Collegio di Roma, 26 aprile 2010, n.292

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Bancomat e carte di debito / Obblighi per la banca
  • Parole chiave: Diligenza, Obblighi delle parti nell’esecuzione del rapporto, Responsabilità, Servizio bancomat
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 26 aprile 2010, n.292
  • Scarica testo in pdf

La banca è tenuta ad operare con la diligenza adeguata alla sua condizione professionale e alla natura dell’attività svolta, che si specifica, in relazione al servizio bancomat, nel dovere di adottare le misure idonee a garantire la sicurezza del servizio da eventuali manomissioni. Il che, naturalmente, non dispensa il titolare della carta dall’obbligo di osservare ogni cautela nella conservazione e custodia dei propri dati personali; la violazione di tale obbligo, incide sulla misura del risarcimento dovuto, secondo quanto stabilito dall’art. 1227 c.c., ma non esclude la responsabilità della banca, salvo che assuma una rilevanza talmente preponderante da assorbire ogni rilievo causale della condotta ad essa imputabile.