Collegio di Roma, 21 aprile 2010, n.258

Torna indietro
  • Categoria Massima: Carte di credito / Sospensione o revoca
  • Parole chiave: Blocco, Carte di credito, Principi generali di correttezza e di buona fede nell’esecuzione del contratto, Responsabilità della banca
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 21 aprile 2010, n.258
  • Scarica testo in pdf

In presenza di una clausola che consenta all’intermediario, a fronte del verificarsi di determinate circostanze, di procedere al blocco della carta di credito del cliente, deve ritenersi conforme ai principi generali di correttezza e di buona fede nell’esecuzione del contratto il comportamento tenuto dall’intermediario il quale abbia motivato la propria decisione di blocco temporaneo dell’utilizzo dello strumento di pagamento e abbia operato in modo da circoscrivere il sacrificio e la compressione degli interessi dell’altra parte del rapporto contrattuale, avvisando tempestivamente il cliente del blocco, rimosso, almeno parzialmente, subito dopo, non appena la situazione è stata chiarita.