Collegio di Milano, 19 maggio 2010, n.381

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Accollo, Mutuo / Accollo
  • Parole chiave: Accollo, Liberazione del debitore originario, Mutuo, Obbligo di espressa pattuizione
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 19 maggio 2010, n.381
  • Scarica testo in pdf

In difetto di un diverso accordo fra le parti che in qualche modo deroghi alla disciplina di legge di cui all’art. 1273 cod. civ., deve ritenersi che, qualora intervenga un accollo, il creditore non ha alcun obbligo di determinarsi nel senso della liberazione dell’originario debitore. Ne consegue che, in con riferimento all’accollo di un mutuo, la banca ha la facoltà ma non l’obbligo di liberare l’originario debitore.