Collegio di Napoli, 02 aprile 2010, n.194

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Competenza, Deposito titoli in amministrazione / Disciplina generale
  • Parole chiave: Arbitro Bancario Finanziario, Competenza, Deposito titoli in amministrazione
  • Estremi della decisione: Collegio di Napoli, 02 aprile 2010, n.194
  • Scarica testo in pdf

Il contratto di deposito titoli (1838 c.c.) deve ritenersi attratto alla disciplina dell’art. 128 bis TUB, rientrando tra “le operazioni e servizi bancari e finanziari” di cui al paragrafo 4 delle Disposizioni sui sistemi di risoluzione stragiudiziale delle controversie emanate dalla Banca d’Italia il 18 giugno 2009. Pur non essendovi dubbio, infatti, che, a seguito della dematerializzazione dei titoli, l’equilibrio del contratto di deposito si venga a spostare dall’aspetto della custodia a quello dell’amministrazione dello strumento finanziario, ciò, tuttavia, non sembra in grado di snaturare il negozio e farlo rientrare nella categoria dei contratti che hanno oggetto specifico la prestazione di servizi d’investimento.