Collegio di Milano, 15 febbraio 2010, n.47

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Trasparenza / Spese e commissioni, Responsabilità della banca / Trasparenza
  • Parole chiave: Contratto di finanziamento, Oneri e commissioni, Recesso, Responsabilità della banca, Trasparenza
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 15 febbraio 2010, n.47
  • Scarica testo in pdf

Nel caso in cui il cliente contesti alla banca di avergli prospettato la facoltà di recedere in ogni tempo dal contratto di finanziamento sottacendo che l’esercizio di tale facoltà avrebbe comportato il pagamento di oneri e commissioni, la responsabilità della banca va esclusa laddove il modulo contrattuale sottoscritto dal cliente, sul retro, e precisamente nella parte definita “documento di sintesi”, indichi esplicitamente, in caso di estinzione anticipata, la debenza di oneri e di un “compenso previsto dalla legge in vigore al momento dell’estinzione nella misura massima consentita”.