Collegio di Milano, 12 febbraio 2010, n.41

Torna indietro
  • Categoria Massima: Bancomat e carte di debito / Clonazione
  • Parole chiave: Bancomat e carte di debito, Clonazione, Responsabilità della banca
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 12 febbraio 2010, n.41
  • Scarica testo in pdf

In materia di responsabilità dell’Intermediario per intervenuta clonazione delle carte di debito, la valutazione circa la ripartizione dei rischi dell’uso illegittimo delle carte deve svolgersi tenendo conto che la posizione degli Intermediari (e la relativa responsabilità) deve essere considerata in maniera diversa da quella dei clienti (non avendo, quest’ultimi, le conoscenze tecniche e le possibilità economiche di adottare sistemi di sicurezza che possano scongiurare l’abusivo utilizzo delle carte stesse), mentre non si può trascurare la sussistenza di un rischio d’impresa fisiologicamente gravante sull’istituzione finanziaria che presta il servizio di pagamento, considerato che quest’ultima, rispetto al titolare della carta stessa, si trova in condizioni migliori per porre rimedio o per prevenire i rischi dell’uso fraudolento della carta.