Collegio di Milano, 08 febbraio 2010, n.25

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Centrale d’Allarme Interbancaria (CAI), Arbitro Bancario Finanziario (aspetti procedurali) / Legittimazione passiva
  • Parole chiave: Archivio Centrale d'allarme interbancaria, Illegittima iscrizione, Legittimazione passiva, Risarcimento del danno
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 08 febbraio 2010, n.25
  • Scarica testo in pdf

In caso di illegittima iscrizione alla Centrale di Allarme Interbancaria (CAI), tenuto a risarcire i danni ad essa conseguenti è il trattario dell’assegno, essendo quest’ultimo soggetto unico legittimato alla iscrizione alla CAI. Il ricorrente che, illegittimamente segnalato, agisca per il ristoro dei danni patiti, non può quindi convenire avanti l’ABF l’ente mutuante - prenditore dell’assegno - in quanto quest’ultimo privo di legittimazione ad attivare la procedura di iscrizione alla CAI e, parimenti, privo di legittimazione passiva in ordine a ogni pretesa risarcitoria conseguente al tale illegittima iscrizione.