Collegio di Milano, 23 marzo 2010, n.146

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Centrali Rischi Finanziarie Private / Segnalazione illegittima e responsabilità
  • Parole chiave: Centrale rischi finanziari private, Danni risarcibili, Problemi tecnici, Responsabilità per false o inesatte informazioni, Segnalazioni illegittime
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 23 marzo 2010, n.146
  • Scarica testo in pdf

Nel caso in cui l’intermediario segnali in una centrale rischi privata un ritardo nel pagamento di una rata del mutuo a causa di un “disallineamento” dei propri archivi informatici, successivamente superato senza che questo abbia dato luogo ad evidenze visibili in Centrale Rischi, lo stesso risponde a titolo di responsabilità per false o inesatte informazioni, area nella quale vengono ricomprese fattispecie eterogenee il cui elemento caratterizzante è la liceità dell’attività informativa svolta dalla banca. Il disvalore della condotta, pertanto, non riguarda la diffusione della notizia in sé, ma l’erroneità del dato rilasciato. E’ evidente che, nel caso di erronea segnalazione in una centrale rischi, la banca – attestando la non affidabilità di un soggetto in realtà meritevole di tutela – ne compromette la reputazione di “buon pagatore”, precludendo o rendendo più oneroso l’accesso al credito. Il comportamento dell’intermediario, quindi, da un lato può configurare un illecito extracontrattuale per lesione di un diritto soggettivo perfetto - riconducibile alla categoria dei cd. diritti della personalità (d. all’immagine, alla riservatezza, alla reputazione, ecc..) - e, dall’altro lato, in considerazione del rapporto contrattuale in essere può integrare la violazione degli obblighi di protezione discendenti dalla clausola di buona fede in executivis (tra i quali, è ricompreso quello relativo alla verifica della correttezza delle informazioni rese a terzi).