Collegio di Roma, 22 ottobre 2010, n.1153

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Home banking / Obblighi per il cliente
  • Parole chiave: Circostanze rilevanti, Home banking, Negligenza del cliente, Onere probatorio, Prelievi illegittimi
  • Estremi della decisione: Collegio di Roma, 22 ottobre 2010, n.1153
  • Scarica testo in pdf

 

In caso prelievi illegittimi a mezzo il servizio di home banking,la negligenza da parte del cliente al proprio obbligo di diligente custodia delle credenziali d’accesso al conto corrente non può ritenersi implicita nella circostanza che i bonifici sono stati comunque eseguiti mediante la digitazione di userid e password attribuiti a suo tempo al cliente, perché allo stato delle conoscenze tecnologiche, non si può affatto escludere la possibilità della sottrazione al cliente, da parte del terzo frodatore, dei codici identificativi attribuiti al primo per l’accesso ai servizi bancari on line o per l’utilizzo di strumenti di pagamento, senza che al comportamento del cliente stesso possa riconoscersi alcuna efficienza causale nella produzione del fatto illecito (il “furto” dei detti codici d’accesso o numeri identificativi).