Collegio di Milano, 26 ottobre 2010, n.1178

Vai alla sezione "Arbitro bancario finanziario"
  • Categoria Massima: Bancomat e carte di debito / Obblighi per il cliente
  • Parole chiave: Bancomat e carte di debito, Circostanze rilevanti, Negligenza grave nella condotta del cliente, Utilizzo fraudolento
  • Estremi della decisione: Collegio di Milano, 26 ottobre 2010, n.1178
  • Scarica testo in pdf

 

In caso di furto della carta di debito, la ristrettezza estrema dell’arco temporale che va dal furto ai prelievi non può non fare presumere che il PIN fosse facilmente accessibile a chi si era impadronito del portafoglio della vittima del furto. Ciò non solo contrasta con gli obblighi contrattuali di custodia, ma anche con i dettati del principio di autoresponsabilità, individuando una negligenza grave nella condotta del cliente (nel caso di specie: a) il furto era avvenuto tra le ore 18:00 e le 18:15; b) i prelievi “fraudolenti” erano stati disposti prima del blocco della carta (effettuato alle ore 18:51), in un arco temporale ravvicinato (15 minuti circa) e presso tre diversi intermediari).